SICILIA

Sicilia_CM

Non guardami così, Terra Madre…risentita e tacitamente offesa mentre ti dico che vado via nuovamente.
Sei bella, abbagliante, affascinante e superba come la più raffinata delle donne e come la più sfrontata delle amanti passionali. Sei bella, togli il respiro.
E vorrei accarezzarti mentre volgi il Tuo sguardo dall’altra parte in segno di disappunto, vorrei abbracciarti mentre Ti scosti un po’ più in là girandoti di spalle infastidita da un altro amante che diceva di amarti ma che, come il più superficiale dei bugiardi, Ti lascia per una città più lontana. E hai ragione, hai ragione Tu. Scusami.
Tu colta nei tuoi teatri, Tu popolare tra i tuoi mercati, retrò nelle tue ville liberty e disinibita tra i vicoli stretti e ombrosi, Tu testimone di popoli e culture con le Tue chiese bizantine, con le Tue cupole e con i Tuoi giardini arabi e i tuoi angoli normanni. Tu, che travolgi con i Tuoi cambi improvvisi malgrado la Tua staticità. Tu, con la pelle fatta da mille dominazioni che oggi diventi anagramma dell’Europa e scrivi pagine nuove, piene di tradizione imprescindibile e con stile inimitabile, e racconti di un popolo tormentato e tenace, capace di accoglienza e di euphoria inimitabili.
Perdersi per le Tue strade impregnate di luce gialla, soffermarsi nelle piazze e lungo i vicoli di un centro storico che trasuda prosa e sicilianità fino a scivolare tra le vele e le palme è come un naufragare dolce di antica memoria
Tu, leggera come un sogno all’orizzonte e brillante come un’emozione in uno sguardo, entri nei pensieri e li fai Tuoi.
Sai essere tutto e il contrario di tutto.
E adesso che i cannoli non sono più celebrazione di affari di scambio ma stampe che esaltano la moda agli occhi del mondo, e che sottane e scialli sono lezione di elegante e misteriosa sensualità e non censure ed espressione del lutto di mafia Tu, sei ancora una volta Madre, questa volta di giovani e di cultura.
Ti muovi e commuovi, in un modo a cui non ci si abitua mai. Sei diversa da tutte le altre, perché sai essere come ognuno Ti vuole, sei lo specchio delle anime diverse che ti abitano. Sei di tutti, pur rimanendo sempre fedele solo a te stessa. E non guardarmi ancora così, perché lo so che adesso Ti sei emozionata anche Tu.
E allora, vieni con me? Ti porterò dentro la tasca di ogni mattino, sulla mia pelle, nei miei colori; e sarai lì a sorridermi sorniona mentre con la mano, che nessuno vedrà, mi accarezzarai ancora una volta.

 

play_Sicily