Il viaggiatore

Il viaggiatore
Il viaggiatore, impavido va alla ricerca dei sogni perduti. Ma, a cosa serve vendere sogni?
“Non esiste niente di meglio per colorare l’anima e renderla felice”.

20131215-233500.jpg

Annunci

Fantasia Libera

Fantasia Libera
Complicare é facile, semplificare é difficile. Per complicare basta aggiungere tutto quello che si vuole: colori, forme, azioni, decorazioni, ambienti pieni di cose. Per semplificare bisognerebbe togliere, ma, come si fa a sapere cosa togliere?
Togliere vuol dire riconoscere l’essenza delle cose e comunicarle nella loro essenzialità. Questo processo porta però fuori dal tempo e dalle mode… Ma quello che non si può dire con poche parole non si può dire neanche con mille.
Conosci, conserva, capisci, sii curioso e semplifica.

20131103-214008.jpg

Labirinto – Spaccato

Labirinto – Spaccato

Da sempre nella simbologia classica, il labirinto rappresenta caos primordiale e sforzo di imporgli un ordine. Il suo disegno, dall’altro ricorda Le viscere di un serpente, ma nella maggior parte dei casi i meandri del cervello…
Ogni viaggiatore che si rispetti deve prima viaggiare dentro se stesso.
Ma occorre coraggio ed intelligenza per percorrere quelle vie sinuose dall’inizio alla fine.

20130825-120458.jpg

20 anni strage di Capaci

20 anni strage di Capaci

Oggi, per ricordare e non dimenticare, uomini che hanno rinunciato alle loro vite per denunciare un sistema corrotto e troppo spesso ignorato. Un sistema che è stato identificato con un’ isola, un colore ed un suono, ormai rimasto impresso nella mente di tutti. Ma passo dopo passo quest’isola, questi suoni, questi colori si trasformeranno in alto, perchè noi non abbiamo paura. 20 anni, strage di Capaci.

per non dimenticare
per non dimenticare

Da parte mia, il miglior modo per ritornare su questo blog.

Felice 2013

Felice 2013

E così è giunto il momento di salutare anche questo 2012.
Anch’esso, nel suo fardello, mi ha portato gioie e amarezze,
momenti felici e momenti tristi,
sensazioni di gioia racchiuse in scatole di sogni,
sogni di felicità, racchiusi in cassetti di speranza,
sempre sospesi fra un’addio
e un’arcobaleno vestito di seta
abbandonati fra le ali di questo tempo
ma a volte vicini come pollini di un fiore,
fra soffi di dolcezza che ci coloravano il cuore
e ombre malinconiche che ci oscuravano l’animo.
Adesso è il momento di salutare il vecchio e di fare spazio al nuovo che ci attende e così
a chi crede nell’impossibile e chi crede che i sogni siano destinati ad avverarsi prima o poi.
A chi quest’anno ha lottato contro tutto e tutti e ha fatto di questa lotta la sua vittoria e la sua luce.
A chi invece è rimasto ad aspettare qualcuno o qualcosa, soffrendo da solo, senza chiedere un abbraccio o un aiuto.
A chi ha dato un po’ di sé agli altri, senza ricevere nulla in cambio e a chi, nonostante il vuoto tra le mani, lo farebbe mille altre volte.
A chi si è perso e ritrovato e a chi ancora deve conoscersi.
A chi ha perso un tesoro della sua vita e ogni notte alza gli occhi al cielo per vederlo brillare e sentirlo più vicino.
A chi non ha avuto paura di mostrarsi agli altri per quello che era e a chi invece ha capito che ciò che dice la gente che non sa, non conta.
A chi non ha ancora esaudito i propri desideri ma ci spera ogni mattina alzandosi dal letto e a chi invece ha ricevuto il dono più bello della vita: fare di ciò che si sogna la realtà.
A chi ha cercato di vivere la vita giorno dopo giorno, senza fare propositi e a chi invece li sta già scrivendo nero su bianco per il nuovo anno.
A chi ha dato il suo cuore agli altri ma ha capito se forse questo non era ancora abbastanza per guadagnarsi un po’ di cuore.
A chi ha capito che l’amore è solo un susseguirsi di “Ciao” e “Addio”
A chi nella mia vita è passato anche per un solo attimo regalandomi un sorriso o una lacrima,
A chi è rimasto…

Auguro un anno fatto di sogni, desideri amore e fantasia un anno da Vivere in tutta la sua “essenza” Buon 2013.
Capodanno2013